Confronta gli annunci

Fermo e il Fermano

Fermo e il Fermano

La storia

La Marca Fermana o Marca di Fermo, in latino Marchia Firmana, è stata una suddivisione amministrativa dell’Italia centrale sottoposta alla giurisdizione della città di Fermo. Trae origine dal ducato regionale fermano; istituito dai Longobardi all’interno del Ducato di Spoleto e mantenuto nella nuova ripartizione territoriale seguita alla conquista dei Franchi. Il territorio fu riorganizzato intorno all’anno 1000 in una marca. Originariamente il Fermano si estendeva dal fiume Musone a nord e la valle del Sangro a sud. Nel 1080, dopo la conquista Normanna, perse molti dei suoi territori: rimasero sotto la sua giurisdizione le attuali province di Macerata, Fermo e Ascoli Piceno. Un territorio con una grande storia, terra di papi e di potere.

L’attuale Marca Fermana coincide per lo più con la Provincia di Fermo; è una zona di straordinaria bellezza caratterizzata da importanti radici storiche e culturali.

Natura e bellezza

I venticinque chilometri di litorale fermano offrono spiagge con sabbia finissima alternate a zone sassose. I fondali sono sicuri poiché quasi sempre bassi, permettendo ai bambini di giocare in tutta tranquillità; il servizio di salvataggio capillare è attivo nel periodo compreso tra metà giugno e metà settembre. Si alternano spiagge libere e stabilimenti balneari con tutti i servizi, dal ristorante al bar, dal servizio spiaggia con ombrelloni, lettini e sdraio ad aree attrezzate per lo sport e il gioco.

Dal litorale gradatamente si ergono le tondeggianti colline fino alle montagne; un gioco di colori determinato dalle numerose coltivazioni che va dal verde acceso della primavera al giallo oro del grano durante il periodo estivo. In cima alle colline ergono sontuosi in tutta la loro bellezza antichi manieri e affascinanti borghi; ancora oggi mostrano orgogliosi la loro storia fatta di guerre, trattati, battaglie, lotte e fazioni narrate orgogliosamente dalle popolazioni da sempre dedite al lavoro e al culto religioso. Territori d’altri tempi lontani dai ritmi frenetici delle città costiere, seppur situati a pochi chilometri da esse. Brevi le distanze tra i centri abitati così come quelle per raggiungere le vicine campagne. Ogni paese presenta specialità gastronomiche e prodotti tipici locali ancora oggi realizzati in gran parte con metodi tradizionali.

Il Fermano rientra all’interno del massiccio montuoso dei Monti Sibillini; essi racchiudono le province di Ascoli Piceno, Fermo, Macerata e Perugia e costituiscono il Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Le vette raggiungono i 2000 metri di altitudine, il monte più alto del gruppo è il Monte Vettore con i suoi 2.476 metri s.l.m.. Sul versante fermano abbiamo il Monte Priora, il Monte Bove e il Monte Sibilla. I borghi montani principali di origine medievale sono Montefortino e Amandola. Presenti nei dintorni percorsi attrezzati per escursioni, trekking e passeggiate di diversi livelli.

Attività e ricettività

Tutto questo e molto altro è il territorio del Fermano; un territorio ricco di storia, cultura, enogastronomia, sport e diversità di paesaggio. Il tutto racchiuso in appena 863 km quadrati di territorio. In pochi chilometri si può godere del mare, delle dolci colline e dei monti e volgendo lo sguardo ritornare al mare. In tutto il territorio è presente una rete capillare di b&b, agriturismi, case vacanza e appartamenti per trascorrere momenti di relax e tranquillità.

Continua a seguirci per scoprire cosa può offrire questo territorio.

Post correlati

Perché dovresti scegliere una villa di lusso invece che un hotel quando viaggi?

L’industria dei viaggi dà il benvenuto a nuovi trend ogni anno. Con il cambiare della mentalità...

Continua a leggere
Marc Partiti
di Marc Partiti

Una giornata a Roma: itinerario completo

Visitare Roma in un giorno Roma è un luogo mistico dove si possono ammirare le pittoresche...

Continua a leggere
Marc Partiti
di Marc Partiti

Marche, una regione da scoprire

Marche, tra mare e colline Da un lato la catena appenninica, dall’altro la costa adriatica e, in...

Continua a leggere
di Andrea Angius

Partecipa alla discussione